Spedizione gratuita e assicurata

Home / Learn /

I diamanti sintetici sono diamanti veri?

article image

I diamanti sintetici, definiti anche diamanti di laboratorio, vengono realizzati utilizzando processi tecnologici altamente avanzati. Questi monitorano strettamente le condizioni di laboratorio che simulano l’ambiente naturale in cui si formano i diamanti estratti dalle miniere.

Entrambi sono realizzati al 100% in carbonio in un ambiente ad alta pressione e ad alta temperatura.

Negli ultimi anni  le preoccupazioni etiche riguardanti i problemi umanitari ed ecologici relativi all’estrazione dei diamanti, unito agli alti costi dei diamanti naturali, hanno portato ad un incremento della popolarità dei Diamanti di Laboratorio.

Se stai considerando l’acquisto di un gioiello con un diamante sintetico, leggi la nostra guida con tutte le informazioni principali su questa alternativa affascinante ai diamanti estratti.

 

Nei primi anni 1950, un chimico americano della GE di nome Howard Tracy Hall lavorò insieme al suo team sulla creazione di un diamante sintetico per applicazioni industriali e per ridurre la dipendenza dai minatori di diamanti. Dopo quattro anni di esperimenti falliti, nel 1954, Hall trovò finalmente le modalità per produrre il primo diamante artificiale.

Al giorno d’oggi, i diamanti lab grown -o diamanti sintetici – possono essere creati seguendo due processi: High Pressure-High Temperature (HPHT) e CVD (Chemical Vapor Deposition). High Pressure-High Temperature (HPHT) si riferisce a uno dei due metodi più comuni di produzione di un diamante. Il secondo, CVD (Chemical Vapor Deposition), è stato scoperto più recentemente. La tecnologia che permette di crearli ha fatto rapidi progressi negli ultimi anni, provocando non pochi contrasti con i venditori dei diamanti estratti.

Trattandosi di un bene relativamente nuovo, è necessario spiegarlo in modo approfondito per evitare le insidie della disinformazione che circola online.

 

Di cosa è fatto un diamante sintetico?

Carbonio, esattamente come i diamanti estratti.
I diamanti da laboratorio sono fatti di carbonio puro con atomi che si formano in strutture identiche a quelli dei diamanti naturali.

Neanche i gemmologi possono trovare differenze tra i due diamanti ad occhio nudo. Servono attrezzature specifiche che esaminano la struttura degli atomi per notare eventuali differenze e la precisione non è mai garantita.

 

Come nascono i diamanti sintetici?

Ci sono diversi modi e di seguito esaminiamo i più popolari:

HPHT (ALTA TEMPERATURA ALTA PRESSIONE)
Sviluppato negli anni ’50, il metodo HPHT prende un piccolo seme di diamante e lo posiziona in un pezzo di carbonio. Il carbonio viene pressurizzato a circa 1,5 milioni di libbre per pollice quadrato, utilizzando una pressa a nastro, e poi esposto a temperature roventi di oltre 1482 ºC. La pressione e il calore fondono il carbonio, formando così il diamante attorno al seme iniziale.

È interessante notare che il metodo HPHT può essere utilizzato anche su diamanti estratti per migliorarne il colore e quindi la sua classificazione (vedi le 4C dei diamanti). La maggior parte dei diamanti estratti, per esempio, ha un accenno di giallo o marrone al suo interno. Non tutti i diamanti sono adatti a questo, se hanno una chiarezza di basso grado possono rompersi o rompersi durante il trattamento.

CVD (DEPOSIZIONE CHIMICA DI VAPORE)
Nel 2015, un gruppo di ingegneri e scienziati, guidati da R. Martin Roscheisen (il fondatore di Nanosolar), ha sviluppato un approccio avanzato alla produzione di diamanti. L’uso di nuove tecnologie ha reso possibile la produzione di diamanti di alta qualità in modo più rapido ed economico rispetto alle modalità esistenti.

Questo nuovo approccio utilizza un piccolo seme di diamante che viene posto all’interno di una camera sigillata e riscaldato a oltre 760°. Questa viene poi riempita con gas ricchi di carbonio, tipicamente metano e idrogeno, che vengono ionizzati nel plasma grazie ad una tecnologia simile a quella del microonde. In tal modo si rompe il legame molecolare del gas che si attacca al seme e forma così il diamante. Trattamenti aggiuntivi di calore possono essere utilizzati per migliorare o cambiare il colore del diamante.

Tutti i diamanti Fàbera vengono prodotti con l’approccio CVD.

 

Di seguito un’immagine dei semi di carbonio.

Dove sono prodotti i diamanti sintetici?

In laboratori altamente specializzati gestiti da team qualificati di scienziati e ingegneri che utilizzano solo la tecnologia più all’avanguardia. Possono essere trovati in tutto il mondo e, a differenza delle miniere, sono in costante miglioramento in termini di efficienza.

Come nel caso dei gioielli Fàbera, i diamanti provengono da laboratori che utilizzano l’energia solare per minimizzare il più possibile il loro impatto ambientale.

I diamanti sintetici sono diamanti veri?

Assolutamente sì.

Un diamante creato in laboratorio è un diamante vero, autentico, in quanto è creato con carbonio puro, che conferisce proprietà fisiche e chimiche identiche al diamante estratto. I diamanti “finti” come gli zirconi, la mossanite, lo zaffiro bianco e lo spinello sono di solito facili da individuare, anche per un occhio inesperto. Questi sono, ad esempio, più facilmente graffiabili.

La FTC (Federal Trade Commission) ha anche recentemente cambiato la definizione di un diamante prendendo la parola ‘naturale’ fuori di esso per includere la varietà coltivata laboratorio.

[I diamanti creati in laboratorio] non sono falsi. Non sono zirconi. Hanno le stesse proprietà fisiche e chimiche di un diamante estratto.afferma Stephen Morisseau, portavoce dell’Istituto Gemmologico d’America (GIA).

Tutti i maggiori istituiti gemmologici mondiali – GIA, HRD e IGI – certificano i diamanti da laboratorio esattamente nello stesso modo in cui vengono certificati i diamanti estratti.

Perché acquistare i diamanti sintetici?

IMPATTO SOCIALE

Coltivare diamanti in laboratorio significa avere il controllo totale sull’intera filiera produttiva, dalla creazione alla consegna del diamante al consumatore, ed evitare la creazione di zone d’ombra e così una catena di fornitura completamente trasparente. I diamanti estratti, al contrario, provengono spesso da catene di approvvigionamento non rintracciabili e da regioni dove avvengono conflitti, violazione dei diritti umani e lavoro minorile.

IMPATTO AMBIENTALE

Sicuramente non si può affermare che la loro produzione sia sostenibile al 100%, la strada è ancora lunga, ma i diamanti da laboratorio sono senza dubbio meno dannosi per l’ambiente e le comunità circostanti rispetto ai diamanti estratti. Quest’ultimi richiedono molta più energia per estrarre un carato di diamante dalla terra rispetto al produzione di un diamante in laboratorio per non parlare degli enormi crateri nel terreno che si formano per l’estrazione di un diamante.

In uno studio condotto da Frost & Sullivan, si dice che gli impianti produttivi utilizzati per creare i diamanti in laboratorio “sono spesso situati in aree che hanno un impatto trascurabile sull’ambiente e non hanno quasi alcun impatto sulla biodiversità.

QUALITÀ & ACCESSIBILITÀ ECONOMICA

La creazione di un diamante da laboratorio è più efficiente e conveniente rispetto al processo di estrazione. Ogni diamante è unico e la sua qualità è anch’essa basata sulle 4C come per i diamanti naturali. Dal punto di vista economico, un carato di diamante da laboratorio con le stesse qualità di un diamante naturale, costa il 50%-60% in meno. Molti produttori stanno entrando nel mercato dei diamanti da laboratorio, provocando una svalutazione del diamante. La vera differenziazione la fa la certificazione e la produzione sostenibile del diamante.

CERTIFICATO DI SOSTENIBILITÀ

Quando acquisti un diamante da laboratorio (così come un diamante estratto) ricordati sempre di chiedere una certificazione di sostenibilità da parte del venditore. In tal modo saprai dove il diamante è stato prodotto, quanta energia è stata utilizzata per produrlo e avrai la sicurezza che non c’è stato uno sfruttamento dei lavoratori.

Noi di Fàbera siamo certificati SCS-007 Sustainability Rated Diamond.

Storie di sogni
Carolina & Kerstin
Belen e Dario
Rose
Manuela e Francesco
Le parole, i ricordi e i gioielli di chi ha scelto Fàbera.
Le parole, i ricordi e i gioielli di chi ha scelto Fàbera.
Seguici su